Progetto PBE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 04 Marzo 2011 14:56

Im_ministero_agricolturalogo_prog_enama

PROGETTO BIOMASSE ENAMA - PROGRAMMA DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DA BIOMASSE

Il progetto PBE “Progetto Biomasse Enama” nasce dalla collaborazione tra l’Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola (ENAMA), la sua vasta base associativa, rappresentativa dell’intero settore agricolo (CIA , Coldiretti, Confagricoltura, UNIMA, Assocap, UNACMA, UNACOMA, CRA, Mipaaf), e partner di progetto con rilevanza nazionale quale il CIBIC  (Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia dell’Università di Firenze), Agroenergia, AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali), DIESTAF (Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali dell'Università di Firenze), Fattorie del Sole ed Itabia (Italian Biomass Association).

Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha incaricato ENAMA di sviluppare e coordinare un programma di azione nel settore delle fonti energetiche rinnovabili da biomasse allo scopo di fornire un’ampia gamma di strumenti tecnici, scientifici, normativi e anche finanziari, per indirizzare gli stakeholders del comparto agricolo verso l’attivazione delle filiere agro-energetiche più virtuose.

In estrema sintesi il progetto prevede la redazione di uno studio sul settore agro-energetico incentrato su quattro pilastri: la verifica dello stato dell’arte e delle potenzialità del settore; l’analisi critica degli accordi di filiera; il finanziamento, la realizzazione ed il monitoraggio di impianti a biomasse per la conversione energetica in ambito agricolo; la divulgazione dei risultati ottenuti.

Lo studio rappresenta uno strumento per promuovere le scelte programmatiche adottando i provvedimenti ritenuti più idonei per lo sviluppo del settore delle agro-energie in Italia. Parallelamente il progetto mette a disposizione del settore agricolo e dei suoi operatori le innovazioni tecnologiche che promuovono il reddito agrario nel settore energetico e minimizzano l’impatto ambientale sul territorio.

La divulgazione dei risultati, inoltre, mira a fornire agli imprenditori agricoli, interessati ad investire nel nuovo settore agro-energetico, informazioni esatte e di facile consultazione in grado di favorirli nell’iter burocratico, nella scelta delle colture energetiche, nella scelta dell’impianto, nella costruzione della filiera.

Brochure

Booklet

Report

Sito web: www.progettobiomasse.it

I PARTNER

logo_enama

Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola (ENAMA)

Enama è una associazione cui aderiscono le principali organizzazioni agricole (CIA, Coldiretti e Confagricoltura), del contoterzismo (Unima), del commercio (Assocap e Unacma) e, in qualità di Membri di diritto, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, le Regioni e l'Ente CRA. Forte di questa base associativa, ENAMA gode di un osservatorio privilegiato nel settore agricolo che gli consente di sviluppare progetti e azioni volti all'innovazione e al corretto uso dei mezzi meccanici e degli impianti contribuendo ad un'agricoltura competitiva e sicura per gli operatori, l'ambiente e le produzioni agrarie, con la concertazione dell'intera filiera.

Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia dell'Università di Firenze (CIBIC)
logoDEISTAF

Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali dell'Università di Firenze (DEISTAF)

logo_agroenergia

Agroenergia

La prima associazione italiana di produttori di energia da fonti rinnovabili agricole

logo_coldiretti


Fattorie del Sole
L’associazione italiana delle imprese agricole che "coltivano l’energia da fonti rinnovabili".

logo_aiel

Associazione Italiana Energie Agroforestali  (AIEL)

L'associazione ha come fine la promozione e la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili di origine agricola e forestale nonché lo sviluppo del loro utilizzo energetico per fini civili ed industriali.

logo_itabia

Italian BIomass Association (ITABIA)
L'Associazione opera nel settore della bioenergia allo scopo di aggregare esperienze, promuovere ricerca e sviluppo, orientare e supportare la programmazione, assistere la nascita di iniziative territoriali.

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Maggio 2012 08:44